cultura barocca
"il torrente-fiume Nervia" = visualizza quindi, previa enfatizzazione delle immagini, Da Progetto Notari vedi subito sotto schizzo della Chiesa di S. Rocco ai Piani di Vallecrosia, percorsa dalla "strada antica" e pił a Sud la "Strada della Cornice" o "realizzata dal governo francese": vedi particolari da carta Notari con didascalie = A - "strada da Camporosso a Bordighera" attraversante le Braie
Ugo Foscolo in fuga da Genova verso la Francia come "Viandante Antico e Poetico del Nervia": con il tema peromantico -dalle Ultime Lettere di Jacopo Ortis- delle "croci dei viandanti assassinati" in effetti cippi limitanei cruciformi come questo ripreso dal vivo, uno dei tanti ancora individuabili e spesso davvero solo a forma di croce frutto dell'operazione G. Invrea per la separazione dei confini economici tra Ventimiglia e Ville enfatizzati dalla poesia delle rovine in auge anche per opera dell'allora celebre Giuseppe Biamonti di S. Biagio della Cima, in orrorifici sepolcri abbandonati vedi, con altre, l'ipotesi pił probabile del tragitto viario realmente percorso -quello della "Strada per Camporosso"- per valicare in qualche modo e luogo il Nervia e raggiungere la piazza di Ventimiglia e quindi la Francia

"STRADA PER CAMPOROSSO" [ LEGGI QUI CON ALTRI DATI PREGRESSI LA ANALIZZATA CRITICAMENTE RELAZIONE NOTARI CON ESPLICAZIONE DEI SITI, DELLE VOCI, DELLE PROPRIETA', DEI RUDERI ECC. ECC. IN MERITO AL TORRENTE/FIUME NERVIA (IMMAGINI E INDICI)] LETTERA A INDICANTE LA DEVIAZIONE DALLA "STRADA ANTICA" (COME SCRITTO) SCENDENTE DALLA CHIESA DI S. ROCCO IN ALTO (N. 5 DELLA CARTA DIGITALIZZATA), QUINDI LA "STRADA DELLA CORNICE" PIU' VERSO MARE MA ANCORA NON FINALIZZATA NEL 1820 - SPECIE A LIVELLO DELLE NECESSARIE INFRASTRUTTURE - COMPARENDO LA SCRITTA "STRADA APERTA DAL GOVERNO FRANCESE" [ MA IN REALTA' DA RISTRUTTURARE, E RESTUARARE PER LA SCARSA MANUTENZIONE DOVUTA AI PERIODI DI GUERRA, E, COME DETTO, SOPRATTUTTO, DA INTEGRARE CON MOLTE SOVRASTRUTTURE AD OPERA DEL GOVERNO PIEMONTESE AVENDO ASSIMILATO IL REGNO SABAUDO LA REPUBBLICA DI GENOVA: DEL RESTO SI EVIDENZIA CHIARAMENTE L'ASSENZA DI UN PONTE (DEL RESTO IL NERVIA NEL MEDIOEVO ERA SUPERATO QUANDO POSSIBILE E FATTIBILE DA UN PONTE DI LEGNO -DI NON FACILE LOCALIZZAZIONE- LA CUI MANUTENZIONE SPETTAVA AD UNA CONFRATERINITA RELIGIOSA = IN SEGUITO FERMO RESTANDO IL PRESUMIBILE ED EFFIMERO PONTE MILITARE CHE COLLEGAVA IL FORTE GUIBERT SULLA RIVA ORIENTALE DEL NERVIA ALLA CASSINA ORENGO, NELLA PIANA DI NERVIA, TRASFORMATO IN FORTILIZIO AUSTRIACO DURANTE LA STTECENTESCA "GUERRA DI SUCCESSIONE IMPERIALE SI REGISTRA QUESTO PONTE AL TERMINE DELLA "STRADA PER CAMPOROSSO" DA CARTOGRAFIA RIGUARDANTE LA GUERRA DI SUCCESSIONE AL TRONO IMPERIALE E STANTE QUANTO QUANTO SCRIVE IL BERTOLOTTI NEL SUO VOLUME SULLA LIGURIA COSTIERA ANCORA QUASI IN PIENO OTTOCENTO SI AVEVA L'ESISTENZA DI UN PONTE ALLA FOCE DEL ROYA MA NON DEL NERVIA PROVVISTO INVECE DI DUE PONTI UNO A CAMPOROSSO E UN SECONDO A DOLCEACQUA).
PER SECOLI QUINDI ESISTEVA LA NECESSITA' DI RAGGIUNGERE LE DUE SPONDE ALLA FOCE DEL NERVIA TRAMITE LA BARCA DI UN TRAGHETTATORE.
IN EFFETTI E' DA DIRE CHE RISALIRANNO SOLO AL 1836 I LAVORI SABAUDI PER QUESTA ZONA COME PER ALTRE = ED IN QUESTO CASO ASSUME UNA SUA SOSTANZA DI OGGETTIVITA' SE NON ALTRO PER LA CLASSIFICAZIONE DEGLI EVENTI QUANTO ALL'ARCHEOLOGO GIROLAMO ROSSI SCRISSE IL CANONICO GIOVANNI FRANCESCO APROSIO IL 5/VIII/1891 SU UNA CHIESA PALEOCRISTIANA A NERVIA DI VENTIMIGLIA DIRUTA PER VETUSTA' MA ELIMINATA SOLO NEL 1836 APPUNTO PERCHE' PER REALIZZARE E RISTRUTTURARE, INTEGRANDOLO DI STRUTTURE MAI REALIZZATE, QUESTO TRATTO DI STRADA DELLA CORNICE (ODIERNA AURELIA) I LAVORI PUBBLICI ANDAVANO RIPORTANDO ALLA LUCE RESTI DI VENTIMIGLIA ROMANA ].
********
IN BASSO NEL SETTORE DELLA CARTA SOPRA PROPOSTO QUASI DI FRONTE (CON UNA LIEVE FLESSIONE IN DIREZIONE SUD-OVEST) A QUESTA "STRADA DELLA CORNICE" O "STRADA DEL GOVERNO FRANCESE" SULLA SPONDA OPPOSTA OD OCCIDENTALE DEL NERVIA LEGGESI QUINDI "STRADA DI VENTIMIGLIA" (DI DIMENSIONI RIDOTTE RISPETTO AL NUOVO TRAGITTO IN COSTRUZIONE) SUL CUI TRATTO VEROSIMILMENTE NON SI ERA MAI INTERVENUTI E DI CUI QUI SI VEDE IL PARTICOLARE TRATTO (EVIDENZIATA LA CARTA GENERALE CLICCA POI SUL NUMERO 7) CHE DAL '600 CORREVA DAVANTI AL CONVENTO INTEMELIO DI S. AGOSTINO NELLA PIANA TRA ROIA E NERVIA = VEDI POI QUI COME FINALMENTE TRA FINE '800 E PRIMI '900 SI PRESENTAVA ALL'INIZIO, DALLA SPONDA OCCIDENTALE DEL NERVIA SI PRESENTAVA LA "STRADA NUOVA DI VENTIMIGLIA" O MEGLIO "LITORALE" POTENDOSI RICONOSCERE TRA IL PRIMO GRUPPO DI EDIFICI ED IL SECONDO (CON LA CASELLA DEL DAZIO) UNO SCORCIO DELLA STRADA - QUI ENFATIZZATA PER UNA MIGLIORE VISIONE E COME IN ANTICO DOMINATA DAL SUO INIZIO MA CON GRANDE VISUALE DAL COMPLESSO IN ALTURA DI "COLLA SGARBA") - CHE CONDUCEVA QUINDI DA NERVIA DI VENTIMIGLIA A CAMPOROSSO, DOLCEACQUA, PIGNA E L'ALTA VALLE DEL NERVIA

CLICCA QUI PER VOLTARE PAGINA

CLICCA QUI PER RITORNARE ALLE RIFLESSIONI SUL NERVIA, IL PROGETTO NOTARI