CANONICO
CLICCA QUI PER UN APPROFONDIMENTO DA TESTO DI DIRITTO CANONICO

E SULLA VOCE SOTTOSTANTE PER LA
TIPOLOGIA E GERARCHIA DELLE CHIESE, NON ESCLUSA LA TIPOLOGIA ARCHITETTONICA

SACERDOTE che partecipa anche a solo titolo onorifico dei Capitoli di cattedrali o dei Capitoli collegiali o Capitoli di chiese collegiate.

CANONICO SECOLARE> ha come vesti ed insegne il rocchetto, la mozzetta, la cappa magna, l'anello, la croce pettorale> fra i "diritti" detiene lo stallo in coro, il voto in capitolo, i redditi della prebenda> tra gli obblighi ha la residenza, il servizio del coro, l'assistenza al vescovo ecc.

CANONICO PREBENDATO O TITOLARE> Canonico secolare che oltre all'ufficio sacro gode del beneficio connesso al canonicato.

CANONICO SOPRANNUMERARIO> Canonico secolare che Ŕ privo di prebenda, ma con ufficio sacro e voce in CAPITOLO.

CANONICO GIUBILATO> Canonico che gode del beneficio ma Ŕ dispensato dal servizio dell'altare.

CANONICO COADIUTORE> Canonico senza prebenda, supplente di un canonico titolare impedito per vecchiaia o malattia.

CANONICI ONORARI> Canonici senza prebenda, obblighi e voce in Capitolo(essi godono comunque del posto in coro e delle insegne onorifiche del canonicato)

CANONICO PENITENZIERE> Canonico, nelle chiese cattedrali, preposto dal Vescovo, ed in ore stabilite, a ricevere le confessioni dei fedeli

CANONICO TEOLOGO> nelle chiese cattedrali canonico che ha il compito di insegnare le Sacre Scritture.

CANONICO VOCALE> anche solo VOCALE - VOCALI: che aveva diritto di parola e di voto all'interno del capitolo della propria congregazione [BATTAGLIA,XXI, p. 964, 9 (vocale1) = vedi Paolo Segneri: "Questa mattina abbiamo eletto i nostri due vocali per la Congregazione Generale, che col favor divino sono riusciti di piena soddisfazione (P.S., Lettere a Cosimo III, a cura di S. Giannini, Firenze, 1857, p. 93).












VICARIO GENERALE: Religioso ai vertici, per un tempo determinato di una provincia agostinana.

MAESTRO DI TEOLOGIA: teologo, dottore in teologia; MAGISTRALE: insegnamento in materia di vita, di morale e soprattutto di veritÓ religiose (vedi Battaglia, sotto voci).

MATTUTINO: liturgia. Prima parte dell'ufficio divino, che anticamente era recitata o cantata a mezzanotte e in seguito nelle prime ore del mattino; consisteva in una serie di inni, salmi, antifone, responsori, letture bibliche e agiografiche, suddivise per lo pi¨ in tre parti, dette rispettivamente I, II e III notturno (e la sua struttura Ŕ stata profondamente modificata da Concilio Vaticano II).

AVE MARIA: ora del tramonto, dell'alba e anche del mezzogiorno in cui il suono delle campane invita i credenti a recitare la preghiera della Vergine di quest'ora.

SACRAMENTO - SACRAMENTI: ciascuno dei riti religisoi propri del cristianesimo, considerati dai credenti come istituiti da Cristo, atraverso cui Dio dispensa ai fedeli la grazia e la vita salvifica meritata all'umanitÓ dallo stesso Cristo (e ciascun rito serve a dispensare un particolare tipo di grazia divina).
Nella dottrina cattolica, e anche in quella delle Chiese ortodosse, ciascuno dei sette segni sensibili ed efficaci produttivi della grazia divina istituiti da Cristo per la salvezza dell'uomo e amministrati dai sacerdoti, e precisamente il battesimo, la cresima o confermazione, l'eucarestia, la penitenza, l'unzione degli infermi o estrema unzione, l'ordine sacro e il matrimonio (e tali segni efficaci, il cui numero fu fissato nel secolo XII da Pietro Lombardo e confermato ufficialmente dal Concilio di Trento, costituiscono la rappresentazione esteriore di una realtÓ non attingibile dai sensi, che produce le conseguenze che significa in virt¨ dell'azione latente di Dio (vedi
Battaglia, sotto voce).

VISITA ECCLESIASTICA: consuetudine dei superiori di recarsi presso i propri sottoposti per rendersi conto delle loro condizioni e necessitÓ
VISTA DIOCESANA, VISITA EPISCOPALE, VISITA PASTORALE: obbligo pastorale a cui Ŕ sottoposto ogni vescovo di recarsi periodicamente presso le parrocchie della propria diocesi.
VISITA AI LIMINI: quella che ogni 5 anni i vescovi cattolici devono compiere a Roma al papa e alla curia per presentare una relazione sullo stato della loro diocesi.
VISITA APOSTOLICA: quella compiuta per ordine della santa Sede, in particolare in circostanze straordinarie, a istituti religiosi, diocesi, seminari.
CONGREGAZIONE DELLA VISTA APOSTOLICA: quella fondata da Clemente VIII e connessa all'obbligo morale a cui Ŕ sottoposto ogni vescovo di visitare personalmente le chiese e i luoghi pii compresi nelle rispettive diocesi.

CONVERSO - CONVERSA: Fratello laico o suora laica che si dedica, nelle comunitÓ monastiche, ai servizi quotidiani ed ai lavori manuali (Battaglia, sotto voce "Converso2")

PIEVANO: Il prete rettore della pieve.