cultura barocca
Digitalizz. a c. di Cultura-Barocca (disponibile in copia su motivata richiesta)

Progetto della commissione legislativa genovese per la promulgazione di una nuova costituzione da edizione napoletana assolutamente identica alla coeva edizione della stamperia nazionale di Genova, di cui si propone l'incipit:
"il popolo ligure considerando che il passato suo avvilimento e' provenuto dall'essere stato soggetto ad un governo aristocratico, ed ereditario, e dall'essersi separato in classi differenti, ha stabilito di non formare in avvenire che una sola famiglia coll'adottare una Costituzione fondata su i veri principj della LibertÓ e dell'Eguaglianza...'. La sovranita' era riconosciuta nelle mani del popolo essendo 'indivisibile, inalienabile, imprescrittibile'. Seguivano quindi le dichiarazioni dei diritti e dei doveri dell'uomo e del cittadino, lo stabilimento di un corpo legislativo diviso in due consigli, e di un Direttorio. Si dichiarava che la repubblica conservava la religione Cristiana Cattolica, tuttavia i beni ecclesiastici di qualunque natura appartenevano alla nazione. Il progetto venne divulgato nel mese di agosto e si fiss˛ per il 14 settembre la popolare accettazione. Tuttavia i vari interessi che venivano toccati dalla costituzione erano troppo forti e cosý scoppi˛ il malcontento quasi generale. La sollevazione comincio' nella valle di Bisagno e poi si propag˛ nella riviera di Levante fino a Sarzana e in quella di Ponente fino a Polcevera. Il Governo provvisorio, all'annuncio della rivolta, affermo' di dover rivedere alcuni articoli della costituzione specie quelli riservati alla religione cattolica.

CLICCA PER TORNARE AL LEMMA DI RICERCA